Lascia un commento

FEDE, COSCIENZA E DOVERE! …COSI’ RINASCEREMO!

Non porgiamo l' altra guancia: Quando la Chiesa celebrava Mussolini.Cari lettori, amici ed avversari, da quando abbiamo iniziato la nostra magnifica avventura come associazione “IlCovo” (nel “lontano” 2006), lo abbiamo fatto, indubitabilmente, per un moto Spirituale, un atto di vera Rivoluzione. E’ stata l’affermazione dei Valori dello Spirito, creativi, positivi, propositivi, che si ribellano allo squallore imperante ed alla disumanizzazione, all’abbrutimento, in una parola: alla distruzione della nostra Civiltà Mediterranea. In tutto il nostro percorso risulta presente ed evidente questa realtà. Invero, ci siamo sempre mostrati duttili nei metodi per condurre questa vera e propria Crociata ideale. Abbiamo analizzato la realtà circostante con ogni strumento a nostra disposizione. Abbiamo esaminato il corollario di ingiustizia ed iniquità, generato dall’ “Anti-Civiltà” al potere, per poi risalire al motivo che vi sta a fondamento; abbiamo evidenziato la radice del male della società odierna, che primariamente è un male MORALE, per poi proporre “La Cura” (QUESTA!); abbiamo così focalizzato l’attenzione verso quella che noi riteniamo la vera ed unica risposta ai mali della collettività, che (UNICI FRA TUTTI) abbiamo definito come “Rivoluzione Morale”. Ogni nostro atto, pur lasciando emergere la particolare personalità e il carattere individuale di ciascuno di noi che partecipiamo all’Associazione “IlCovo”, ha da sempre gli stessi obiettivi, ossia: rilevare I PERCHE’ della devastazione apocalittica che viviamo e che giunge ai suoi estremi odierni; riconoscere LA VERA FONTE dalla quale trarre gli elementi morali e politici atti a produrre il necessario rinnovamento spirituale, individuale e collettivo; mostrare LA SOLUZIONE a tutti coloro che hanno intrapreso insieme a noi questo percorso di crescita e formazione.

Il lavoro che abbiamo intrapreso ha avuto un suo sviluppo, sia a livello culturale che morale. Come in tutte le Scuole di formazione dottrinaria che si rispettino, la Nostra, ha svolto e continua a svolgere esattamente il percorso educativo, di elevazione e di ricerca, che è proprio dei gruppi che mirano a conoscere la realtà, ed attraverso la Conoscenza, aspirano a CAMBIARLA. Per questo motivo, lo studio oggettivo della nascita, dello sviluppo e della diffusione della Dottrina del Fascismo, il cui UNICO ED INDISCUTIBILE fondatore e rappresentante risulta essere Benito Amilcare Andrea Mussolini, per noi costituisce un fondamento irrinunciabile. Anzi, attraverso tale schietta analisi, abbiamo convenuto che la Dottrina fascista è IL PUNTO CARDINE DA CUI RI- COMINCIARE, poiché consci che con la fine della Seconda guerra mondiale, le “lancette dell’orologio della Storia” sono state riportate indietro di alcuni secoli, ripristinando logiche politiche schiavistiche! L’analisi, lo studio, la ricerca e la speculazione teorica operata dalla Cultura etico-politica Fascista ITALIANA tra le due guerre mondiali, abbiamo verificato ed abbiamo DIMOSTRATO, porta in sé un bagaglio incredibile di soluzioni valevoli per l’oggi e per il domani rispetto alle principali questioni dell’umanità manifestatisi globalmente. A perer nostro, nessuna revisione  di Coscienza verace, che tale voglia essere rispetto al presente odierno, può prescindere, se non altro per il lato della critica (nel senso vero e non strumentale del termine), dalla Costruzione Politica espressa nella Dottrina del Fascismo di Benito Mussolini! In breve, come da due secoli nessun movimento filosofico, politico, sociale, ha potuto prescindere dal cataclisma europeo del 1789, se non altro, almeno dal lato della Critica (sempre nel senso reale del termine!), così, oggigiorno, il mondo intero non può, a nostro avviso, prescindere dall’analisi, dalla discussione e dall’approfondimento della Forma Statuale Ideata, Creata, attuata e diffusa dal Fascismo Mussoliniano. Nel lavoro ultradecennale che abbiamo portato avanti, a mezzo del nostro personale contributo a quella stessa analisi politica (UNICI AL MONDO, giova sottolinearlo!) e della medesima consapevolezza scaturita da quella concezione, entrambi orientati a voltare concretamente pagina rispetto al passato per  ANDARE DAVVERO AVANTI verso un nuovo e migliore futuro, abbiamo posto l’attenzione tanto sull’immensa “reazione” ed “involuzione” operata a danno dell’umanità dai veri vincitori dell’ultimo conflitto mondiale, quanto, conseguentemente, sulla vera ed unica risposta che può essere elaborata a livello sia nazionale che universale nei confronti di tali azioni, che vanno oggettivamente riconosciute come anti-umane e pertanto rigettate e combattute.

Senza voler essere presuntuosi, ma sulla scorta di fatti riscontrabili oggettivamente, il nostro contributo ha fatto ri-circolare gli “anticorpi” etico-politici, che in taluni casi, anche eclatanti, fanno ben sperare affinché si concretizzi quella “presa di Coscienza” che peroriamo da sempre! Chi, partendo sempre da una concezione Spirituale dell’esistenza, si appresta ad iniziare una vera Revisione etico-politica alla luce della realtà  odierna – che noi, proprio grazie alla Dottrina del Fascismo, abbiamo già maturata definitivamente – inevitabilmente ripercorre i passi che già Benito Mussolini, sulla scorta della sua fede adamantina e della sua sincerità d’animo, compì in tempi non sospetti, già a partire dal 1914! In tal senso, chi è davvero “in buona fede”, risulta essere “revisionista” per principio. Ovvero, tende sempre a “revisionare” principii e strategie in base alla realtà che si svolge sotto gli occhi e che, come nel caso presente, mostra macroscopiche tare morali e sociali di ogni genere ed a vari livelli. Impossibile, per un animo sincero e cosciente, radicarsi stabilmente in una visione pregiudiziale ed irrealistica che, in ultima analisi, evidenzia al contrario la stoltezza e/o la malafede di chi vi si ostina. Dunque, il primo criterio della “buona fede” è esattamente quello di analizzare in modo schietto la realtà, evidenziandone le contraddizioni. Di conseguenza, la vera soluzione non può prescindere dal fattore critico-ideale capace di sanare tali contraddizioni, in modo equilibrato e stabile, senza ignorare nessuna delle componenti problematiche, andando direttamente alla radice della questione! Precisamente quanto ha fatto un personaggio “insospettabile”, che vogliamo portare all’attenzione dei nostri lettori come “paradigma” di ciò che una vera revisione è capace di produrre. Si tratta, nientemeno, di un colonnello russo, Vladimir Vasilievich Kvachkov, ex Ordine della Stella Rossa nell’ex Unione Sovietica (qui). Quanto egli analizza risulta davvero paradigmatico, in merito all’attuale crisi planetaria dovuta alla cosiddetta “emergenza coronavirus”. 

Infatti, la stessa “emergenza coronavirus“, che è una iattura planetaria, un disastro globale tremendo,  secondo Kvachkov NON costituisce però che una parte infinitesima di una costruzione (dovremmo dire più correttamente “distruzione”!) più ampia, sviluppata nel tempo, ma alla quale è stata impressa una svolta determinante proprio dalla fine dell’ultimo conflitto mondiale. IL NOSTRO LAVORO, dunque, è risultato antesignano anche a questo proposito ed espressamente per un motivo. Poiché, a differenza di quello che potrebbe sembrare, noi non abbiamo mai avuto, letteralmente, pre-giudizi. Sprezzando tutte le etichette precostituite e le convenzioni di facciata, ci siamo avvicinati alla revisione fascista, non venendo da alcuna specifica tradizione politica; in modo altrettanto sprezzante, l’abbiamo confrontata con la realtà odierna in tutti gli ambiti; convinti della sua bontà, allo stesso modo, poi, ne abbiamo sposato le tesi come fondamento per l’ulteriore cammino verso la consapevolezza, in qualità di uomini e cittadini, perché essa ci ha dimostrato di essere Dottrina profondamente realistica e oggettiva. Ciò detto, rispetto all’articolo che vi abbiamo segnalato e che vi invitiamo a leggere e meditare nel suo insieme, abbiamo estrapolato questa dichiarazione, che ci ha particolarmente colpito:

“Il fenomeno coronavirus, che viene falsamente definito una pandemia, ha bisogno di essere esaminato dalla prospettiva delle potenze globali. E’ un fenomeno religioso, politico, finanziario, economico e nazionale...“E’ questo l’obbiettivo del coronavirus. Lo ripeterò ancora una volta, abbiamo poca fede in Dio e ancora meno nell’esistenza di Satana, il nemico della razza umana. L’obiettivo delle forze sioniste e finanziarie mondiali dietro le quinte è la riduzione della popolazione mondiale. È la loro idea fissa, pensano che ci siano troppe persone nel mondo”

E il redattore, poi, specifica: “Come si vede, l’esperto di intelligence russo introduce anche un elemento di carattere escatologico nella sua analisi. La matrice ideologica che sosterrebbe le grandi élite internazionali sarebbe strettamente legata alla religione satanica, in antitesi ed acerrima nemica del cristianesimo“…

Ebbene, ciò che oggi l’ex ufficiale dell’Armata Rossa, Vladimir Vasilievich Kvachkov, analizza con schiettezza, lo aveva già intuito PERFETTAMENTE, con decenni di anticipo, il genio politico e FILOSOFICO di Benito Amilcare Andrea Mussolini! …e proprio Noi de “IlCovo”, più di recente, ma cronologicamente sempre prima dell’ex compagno-colonnello in questione, abbiamo evidenziato tale fondamento “religioso, politico, finanziario, economico e nazionale”, del cataclisma mondiale, in alcuni dei nostri scritti. Due esempi su tutti: 

1) Il progetto “Gaia” attuato dai burattini senza scrupoli del sistema antifascista!

2) LA VITA E’ MILITANZA PER I VALORI DELLO SPIRITO: Lo scontro epocale in atto tra i valori dello Spirito rappresentati dall’universalismo FASCISTA – Romano Cattolico contrapposti all’esclusivismo oligarchico pluto-massonico materialista.

Nel primo articolo, datato 19 maggio 2015, descrivevamo gli obiettivi della “elite” mondialista pluto-massonica, che punta all’asservimento globale di tutti i popoli e di tutte nazioni, con l’obiettivo dichiarato di  ridurre  l’umanità a un miliardo di schiavi-morti viventi. Nel secondo, del 1 marzo 2017, scrivevamo a chiare lettere quello che è emerso fin da SUBITO nel nostro impegno associativo, ovvero che…

“A questo punto, si può ben affermare che la questione è esattamente una “questione religiosa”. Le elites pluto-massoniche, oligarchiche, stanno, infatti, attuando una agenda che ha un fondamento religioso, anticristico. L’organizzazione di questo “nuovo ordine mondiale”, ha una natura religiosa, esclusivista, elitaria, divinizzatrice dell’Uomo, messianista in senso secolarista. Esattamente contrapposta alla natura Universalista, inclusivista, armonizzatrice, organicista, gerarchica del Cristianesimo Cattolico Romano… Per questo i nemici della concezione religiosa Cristiano cattolica (qui) sono gli stessi nemici del Fascismo Mussoliniano. Perché il Fascismo è una concezione politica religiosa (cit. “La Dottrina del Fascismo”), portatrice del principio armonizzatore cattolico romano, l’erede politico della sintesi tra CRISTO e Quirino. E per questo l’obiettivo della religione anticristica (perseguito da tutti gli attori religiosi, politici ed economici dell’attuale società secolaristica), è esattamente quello di portare le persone alla depressione, alla dipendenza morale dal “successo” ed alla divinizzazione del “benessere materiale”, illecitamente spacciato come una “benedizione divina”…

Dunque, ritornando nuovamente a quanto avevamo già sintetizzato su questo stesso blog (qui), dobbiamo mettere a fondamento dell’essenziale trinomio “Credere, Obbedire e Combattere”, che caratterizza il modus vivendi dell’Uomo Nuovo fascista, l’ulteriore triade costituita da Fede, Coscienza, Dovere, che la sostiene. Giacché si può Credere soltanto avendo Fede. Si Obbedisce sentitamente soltanto a ciò che in Coscienza si riconosce come Giusto. Si Combatte in modo intransigente soltanto per ciò che consideriamo essere un nostro imprescindibile dovere di uomini e cittadini, che tali si sentono e vogliono restare, a qualunque costo. Questo diciamo noi fascisti a tutti voi che leggete quanto scriviamo. Questo diciamo simbolicamente anche al Colonnello Vasilievich ed a tutti gli Spiriti indomiti, quale che sia la loro estrazione religiosa, politica, culturale, ma che comunque hanno a cuore davvero il futuro del mondo e dell’umanità, rifiutandosi di cedere alle forze tenebrose che ci opprimono. Sappiate che per rinascere moralmente e tornare a rivedere la luce della speranza, dovremo necessariamente ricongiungerci con la visione armonica e grandiosa espressa dalla Civiltà Fascista!

RomaInvictaAeterna

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: