Lascia un commento

LA CONCILIAZIONE! …Ora di Luce e Atto di Potenza!

FB_IMG_1518371466969

Nella ricorrenza dell’anniversario della firma dei Patti Lateranensi tra lo Stato Italiano Fascista e la Santa Sede, stipulati ufficialmente l’11 febbraio 1929, la “Biblioteca del Covo” propone la lettura di alcuni degli articoli di Arnaldo Mussolini pubblicati su “Il Popolo d’Italia” per l’occasione e dedicati proprio alla “Conciliazione”, tratti dall’edizione definitiva dei suoi scritti… buona lettura!

IlCovo

…”Nell’avvenimento odierno, che esalta i cattolici di tutto il mondo, c’è una parte intima che illumina il nostro spirito e che non si confonde con i riflessi nazionali ed internazionali che il nuovo Concordato porta alla ribalta della storia. Come italiani, cattolici nati e cresciuti secondo la legge cristiana, battezzati nelle nostre chiese, raccolte e piene di tanti ricordi della nostra vita di popolo, la fine del dissidio che ci mortificava è motivo di altissimo gaudio. L’anima è liberata nella credenza del suo Dio e del suo Vicario terreno. Finalmente il nostro spirito è placato; finalmente l’armonia delle nostre virtù civili trova un suggello, una indicazione, un ausilio nella concordia dei poteri. Prima di ieri il tricolore in chiesa richiamava nei fanatici un ricordo ingrato, come nei figli devoti di questa terra prediletta da Dio l’ossequio semplicemente formale alla Chiesa e alle sue leggi era motivo di amarezza, poiché il dovere e la vita spirituale apparivano incompiuti e non per colpa nostra. Ecco finalmente sanato il dissidio; ecco un Concordato che fissa le attribuzioni civili e religiose ; ecco l’armonia intera del popolo italiano che si ritrova nella sua unità etnica e nella fusione spirituale di tutte le sue energie, di tutta la sua bontà e capacità, delle sue leggi e dei suoi reggimenti liberi, nella gloria e nel corso dei secoli. Questa intima gioia, che emoziona anche la vita degli scettici, ha carattere soggettivo, ma è comune a tutto il popolo italiano. I bronzi sacri della Chiesa e i bronzi storici dei liberi Comuni, possono annunciare ai cittadini di ogni età, di ogni classe, la grande novella. Prima che la notizia diventi universale e sia selezionata nei suoi innumeri aspetti, è il popolo italiano che la prende, la fa sua per la propria gioia e per la grandezza del suo divenire. Finiscono gli equivoci: i settarismi diventano inutili e le esasperazioni, che molte volte sono i riflessi eccelsi della vita e dell’amore, sono finalmente dominate.
Questa festa della fede, che si inquadra nell’amor patrio, è tipicamente nostra. Nessuna considerazione dialettica può offuscarla e le stesse polemiche internazionali non possono incrinarla. L’Italia è compiuta nel quadro della sua profonda armonia. Sia gloria a Dio e agli uomini che hanno obbedito alle sue sante ispirazioni. I fogli stranieri, nei giorni scorsi, ciascuno dal suo punto di vista, hanno giudicato l’avvenimento come un prodotto del nuovo clima storico dell’Italia fascista e della volontà precisa di Benito Mussolini e di Pio XI. Molti hanno sintetizzato il giudizio affermando che il dissidio sorto nel 1870 è finito oggi con un compromesso, stilato e firmato dai Poteri responsabili. No. L’avvenimento supera la breve parentesi di sessanta anni. Dall’Editto di Costantino, promulgato a Milano dopo 300 anni dell’era volgare, al 1870, vi sono state infinite vicende drammatiche nella storia d’Italia e in quella vaticana dei Papi. Basta citare la calata dei barbari, le vicende di Ravenna, l’incoronazione di Carlo Magno, le lotte per le investiture, Napoleone, il Risorgimento italiano, per dire con sicura coscienza ed obiettività storica, che l’accordo odierno fra la Santa Sede millenaria e divina nella sua potenza, e lo Stato italiano, inquadrato nella sua forza all’indomani della sua gloria militare e del suo assetto civile, supera e vince gli antichi dissidi storici. E, prima di superarli, li compendia e li riassume in una delimitazione di attività fra la Chiesa e il potere civile, sì da considerare vinte le antiche contese di dominio e di autorità. Se nei secoli lontani i barbari furono illuminati dalla Chiesa di Roma, dopo più d’un altro millennio la stessa Chiesa di Roma può essere luce di saggezza ai popoli fatti civili, ma ancora egoisti e smarriti nel loro orgoglio incontenuto di sopraffazione, di forza e di violenza. Libera la Chiesa in Roma, città eletta da Dio per la sua sede terrena, può liberamente parlare al mondo il linguaggio delle sue verità eterne, senza il compartimento stagno dell’indifferenza, dell’ostilità presunta, della zona grigia della vecchia classe politica italiana. Noi, come ogni Nazione cattolica del mondo, avremo il Concordato su ogni dettaglio della vita spirituale. È a questa finalità che tesero invano i migliori uomini del Risorgimento. La storia, la filosofia, i raffronti, le massime evangeliche, fanno del cristianesimo la verità vivente nei secoli. Anche l’Italia, unita nel suo Regno, entro i suoi confini, godrà di questo presidio spirituale. La luce alla mente e l’ordine civile saranno rafforzati dalla nuova convenzione. E Roma, come già molte volte nei secoli, apparirà la città eterna che segue le grandi verità, le grandi leggi, i codici per l’insegnamento, per la struttura civile dei popoli che nel mondo hanno dei doveri e dei compiti da assolvere ed un’aspirazione ultraterrena da perpetuare. L’evento si compie mentre la Nazione concorde segue un suo costume, una sua legge, una morale fascista che la riscatta dagli antichi errori e dalle colpevoli debolezze e sudditanze. La storia ha le sue esigenze, degli squilibri, degli insegnamenti e dei correttivi. Il popolo italiano è profondamente religioso. Le campagne anticlericali più sfrenate, hanno potuto incrinare, nel passato, qualche provincia, ma poi il buon senso successivo ha saputo redimerle e sanarle. Il pensiero italiano si illumina, nel suo complesso, dalla grandezza della fede. Un filosofo e un politico come Oriani, dopo aver battagliato una intera esistenza, volle riconciliarsi, al tramonto della vita, con il Vicario di Cristo. In Italia rimaneva da chiarire, la questione politica. Bisognava far giustizia della piccola fazione massonica che obbediva ai criteri e agli interessi delle scuole straniere. Benito Mussolini, con il suo grande prestigio di condottiero, di politico e di animatore, ha chiarita la situazione spirituale e politica italiana; ha vinta la retorica; ha obbedito all’istinto; ha intuito la grandezza di una conciliazione. Spirito inquieto, che la giovinezza esuberante aveva portato al di là delle piccole concezioni filosofiche, nella pienezza della vita, dell’ingegno e dell’esperienza, egli ha saputo ricondursi alle grandi verità divine che resistono all’urto dei secoli. Una mente chiara, umanistica, poderosa di cultura e obbediente ai richiami della storia, compresa dei doveri di grande Re del secolo ventesimo, ha accolto il lato nuovo e profondo del problema romano ed ha sanzionato l’accordo. Vittorio Emanuele II vide la legge delle guarentigie respinta, i suoi ministri tra l’insufficienza e l’anatema, e la gloria di Roma offuscata. Vittorio Emanuele III vede la Chiesa di Roma che si cinge nella sua extra territorialità ed accede al criterio della coesistenza. E Roma risplende sotto questo duplice aspetto di vita immortale laica e religiosa. Infine, la mente poderosa di un Papa insigne. Pio XI sente lo spirito nuovo di questa unità millenaria che si chiama Italia, ne apprezza il risorgere e va verso i suoi figli cattolici — i quali non desiderano che di servire i due Poteri nella loro giurisdizione specifica — e, conscio della sua forza, con la sua volontà illuminata, li calma nelle loro inquietudini di cattolici e di italiani. Comprendiamo la emozione di questi giorni. Fissare in un articolo di giornale quale è il tumulto delle impressioni dentro e fuori dei confini d’Italia, è impresa ardua ed impossibile. È un capitolo grandioso che si inserisce nella Storia. A noi non resta che coglierne i riflessi, vivere, operare e credere in armonia alla grande ora che passa, per la gloria d’Italia e di Roma.

FB_IMG_1518371475708

Basta leggere i diffusi resoconti dei giornali, esaminare i telegrammi che giungono dall’estero, indagare lo spirito del popolo, per comprendere che l’accordo firmato in Roma fra Stato e Vaticano può considerarsi evento memorabile. Il dissidio fra i due Poteri in Roma era motivo di profonda amarezza fra cattolici. La politica internazionale giocava su questo equivoco e lo Stato italiano tra i suoi diritti storici e le pressioni partigiane aveva confinato nei motivi di cronaca settembrina una vicenda che interessava non meno di cinquecento milioni di cattolici. Un atto di comprensione, di forza, di dominio, non era nella possibilità dei Governi dal 1870 ad oggi. Bisognava togliere gli equivoci, illuminare le menti, prospettare un problema nella luce dei secoli, non sulle vicende parlamentari. Chi parla oggi di debolezza o, peggio, di abdicazione non pensa e non constata che mai il Potere italiano è stato più forte, più vigile, più geloso della sua Potestà come in questo periodo del Fascismo totalitario. E proprio nella Convenzione stipulata a Roma, nella sua parte conclusiva, è l’omaggio ai Poteri definiti dalla loro formazione spirituale, etnica e storica. Il Regime — che è poi Benito Mussolini — segna questa sua vittoria consapevole come un successo politico che non si aggancia a una situazione parlamentare e ad un semplice rafforzamento del Governo. Le vicende parlamentari passano, sono parentesi che non incidono nel corso degli eventi; mentre da un accordo tra i due Poteri, concluso con illuminato criterio di diritti storici e diritti supremi di spiritualità, esce rafforzata l’Italia nel quadro delle sue possibilità di vita nazionale e internazionale. Il Vaticano è già grande nel concetto universale e la sua reale, visibile indipendenza ne accresce il prestigio e la possibilità di espansione nel mondo. Roma, la città prescelta da Dio, che ha trionfato volta a volta per le armi imperiali e papali, trionfa questa volta per un accordo che esalta gli italiani e illumina nei suoi riflessi di autonomia e di imperio spirituale i cattolici di tutta la terra. Nella vita dei popoli, quello che ha inciso la storia di avvenimenti più o meno gloriosi è stato il gioco della supremazia. In un mondo di squilibri, di egoismi, di insincerità, di pacifisti armati fino ai denti, di popoli sazi e di popoli stremati, si trovano due Poteri che mettono fine lealmente ad una contesa storica. È un esempio e un ammonimento! La nostra gioia è inconfondibile. L’avvenire dirà maggiormente quali benefìci incalcolabili abbiano ottenuto la Chiesa e l’Italia da un accordo che elimina l’ombra grigia, la cortina di inimicizie, di equivoci che divideva i due Poteri, civile e religioso. Le città italiane, con a capo Podestà, Prefetti, Segretari federali e Capitoli metropolitani, hanno esultato alla notizia dell’accordo romano. Nelle città vivono gli anticipatori, i cultori della storia e del diritto che di ciascun avvenimento misurano l’ampiezza, la portata ed i riflessi storici. Ma le dimostrazioni spontanee, calorose, popolari, sulle piazze, sui sagrati di ogni paese o villaggio della Penisola, sono più suggestive e ammonitrici delle dimostrazioni ufficiali o di qualsiasi articolo di giornale. Le campane hanno raccolto su semplici piazze, nelle umili chiese del contado tutto il popolo che è accorso consapevole, istintivamente illuminato, a festeggiare l’evento. È gloria della Chiesa che raccoglie senza limitazioni di carattere contingente i figli d’Italia tanto degni della dottrina fondamentale del Vangelo; è gloria del Fascismo e particolarmente di Benito Mussolini che nella vita spirituale italiana ha saputo togliere i sedimenti dei vecchi rancori, le incomprensioni settarie e le piccole visioni, sì da rendere possibile un accordo che di fronte agli italiani ed al mondo innalza di mille cubiti la statura morale dell’Italia sempre giovane e millenaria nei suoi primati. Francesco Crispi, nelle sue vicende politiche memorabili, tra l’ardore della sua visione patriottica lungimirante e le miserie dei tempi, lasciò scritto che “il più grande italiano sarà colui che riuscirà a risolvere la questione romana”. Dopo di lui si fecero tra i due Poteri dei vaghi approcci senza convinzione. La Chiesa — dal suo punto di vista — che aveva atteso trecento anni l’Editto di Costantino, poteva attendere anche dei secoli la soluzione della vicenda romana. Solo l’uomo nuovo e di grande prestigio poteva determinare le condizioni di libertà, di garanzia per un accordo storico e definitivo. Quelle condizioni si sono determinate nel corso di un decennio per opera di Benito Mussolini ed hanno confluito a questa vittoria i reduci di mille battaglie, il Fascismo consapevole, la scuola liberata dal materialismo del primo Novecento, i giovani, infine, che dopo la guerra hanno misurato le vicende interne e straniere con uno spirito più vasto, più completo, in armonia ai sacrifici compiuti ed in omaggio ai doveri nazionali e ai diritti internazionali.
 La Chiesa non si è irrigidita nelle posizioni del 1870 e consapevole e materna è andata incontro allo spirito nuovo delle generazioni italiane. E l’avvenire, nei secoli, dirà la potenza, i riflessi, i benefìci del Concordato di ieri.”…

(Potete scaricare il Pdf. del volume integrale degli Scritti di Arnaldo Mussolini digitando QUI!)

P.S. = Per ottimizzare la visione, dopo aver avviato i video, consigliamo di digitare rispettivamente sulle icone “Fullscreen” prima e “HD” poi, poste in basso a destra nel riquadro dove scorrono le immagini.

PRIMA PARTE del Video

SECONDA PARTE del Video

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: