3 commenti

COSA STA ACCADENDO NEI CIELI D’ITALIA?…Osservate voi stessi!!

Desideriamo portare all’attenzione dei nostri lettori un argomento di stretta attualità che, come molti altri temi scottanti, è ormai oggetto di numerosi dibattiti molto spesso faziosi. In tal senso, l’esperienza ci ha insegnato che quando un dibattito risulta da subito settario, proponendo “a priori” una “divisione in partiti tra loro inconciliabili”, è segno che vi è l’interesse affinché l’argomento in questione  NON VENGA affrontato seriamente con i giusti strumenti dell’analisi e della ricerca. O meglio: ci sarà chi li userà (una stretta minoranza), ma sarà inevitabilmente surclassato dallo “sbranamento” delle suddette fazioni, e dunque se esiste una verità, essa sarà soffocata dalla veemenza della discussione. Questo metodo, usato soprattutto in ambito politico, garantisce la permanenza del relativismo interpretativo e dunque della confusione in merito ai fatti in discussione. Nell’ambito di tali “guerre tra le parti”, vi è poi una “Tecnica della Comunicazione” che si chiama “semina di notizie“, favorita direttamente dai “media generalisti”.  Essa consiste, lo ripetiamo, nel discutere e diffondere un tema controverso e dibattuto dalle “fazioni”. All’interno di tale diffusione, i media generalisti favoriscono non tanto il dibattito scientifico quanto la “lite veemente” tra i partiti sostenitori dell’ una o dell’altra tesi; inevitabilmente avverrà che tra le argomentazioni mostrate emergano fatti seri e comprovati oggettivamente. Ma, indipendentemente da chi li sosterrà, si favorirà la delegittimazione della tesi verosimile, attraverso la delegittimazione del sostenitore. Ad esempio: nell’ambito della contestazione della “versione ufficiale” dell’attentato dell’11 settembre 2001, esistono molti gruppi. Al loro interno, vi sono elmenti che sostengono alcuni fatti oggettivi che mettono in discussione seriamente la “versione ufficiale”. Tali elmenti, però, e qui risiede il senso di tale subdola manovra, magari fondano le proprie analisi su fatti surreali, spesso fantascientifici, o addirittura paranormali! Si prende, ad esempio, l’analisi scientifica della struttura delle torri gemelle, per mettere in dubbio il crollo “spontaneo” delle stesse; ma lo si “condisce” con affermazioni quali… “il mondo è controllato dai rettiliani, il presidente degli USA è uno di loro”, e si ottiene così la delegittimazione integrale della tesi verosimile! In questo senso, la “semina di notizie” vere o parzialmente vere, è fatta direttamente da chi ha interesse a che le versioni ufficiali non vengano messe in discussione. Un discorso simile viene fatto per l’argomento che vogliamo affrontare. Lo facciamo senza partire da risposte preconcette, ma ponendoci alcune domande a seguito della semplice osservazione quotidiana dei cieli italiani, cosa che chiunque di noi può facilmente effettuare. Nel caso specifico ci riferiamo alla osservazione di quanto avviene quasi quotidianamente sotto i nostri occhi nel cielo sopra le nostre teste. Stiamo parlando delle cosiddette “scie chimiche”!

Si parte dal dubbio: cosa sono le scie che ormai ognuno di noi vede così frequentemente solcare i cieli delle proprie città e campagne? Perchè sono così numerose? Stupisce, infatti, il loro numero e la loro consistenza, oltre che le loro geometrie ad intersezione. La prima risposta certa è relativa alla loro provenienza: sono scie lasciate da aeroplani. Tali scie tracciano rotte stranissime, che spesso si incrociano, formando delle vere e proprie “trame” nei cieli. Ma prima di proseguire oltre con gli interrogativi, vogliamo innanzitutto documentare visivamente il fenomeno, tramite alcune foto realizzate personalmente dal nostro gruppo e scattate in punti diversi del territorio italiano:

Qui siamo a Roma Sud, nelle vicinanze di Ciampino, il 06/04/2016. alle ore 19.38:

dsc_0970

Qui, un minuto dopo, stesso luogo e data, l’aereo che ha lasciato la coda “lunga” della scia orizzontale, in fase di atterraggio:

dsc_0975

Palermo, 16/04/ 2016, ore 17:00 circa

img_3178

img_3180

Nella foto seguente, invece, siamo a Tortoreto degli Abruzzi, sulla spiaggia, il 18/6, alle 20.05:

tortoreto

Di seguito, invece, siamo nelle vicinanze di Trapani (Valderice-Paceco), tra le ore 6 e le ore 9 di mattina, il 06/09/2016. Questa sequenza merita di essere vista con attenzione, poiché mostra cronologicamente e simultaneamente nella medesima zona la presenza di più scie, dovute a più apparecchi nonché l’evoluzione delle stesse, da semplici strisce nel cielo a vera e propria cortina in grado di creare un velo gassoso biancastro, che spesso confondiamo erroneamente con le normali nuvole ma che tale sequenza mostra invece essere tutt’altro…

img-20160906-wa0008

img-20160906-wa0001

img-20160906-wa0009

img-20160906-wa0003

img-20160906-wa0002

img-20160906-wa0007

img-20160906-wa0005

img-20160906-wa0006

Quello che ci colpisce, in tutti i casi appena mostrati, è la PERSISTENZA della creazione di una specie di “patina” opaca in cielo. Abbiamo inoltre notato molto spesso sulla nostra salute, essendo alcuni di noi soggetti allergici, cambiamenti repentini nelle 24 ore successive alla dispersione di tali scie, soprattutto fastidio nella respirazione, dovuto alla presenza di quella che si potrebbe definire una “cappa di afa” pesantissima. Autosuggestione? …Chissà!

Ora, senza voler per forza arrivare subito alla conclusione che tali “scie” siano agenti chimici dannosi per la salute e l’ambiente, “sparsi” con finalità politico-militari, partiamo, invece, volendo dar credito alla versione “ufficiale”. Ovvero questa qui. Secondo tali ricerche, le scie sarebbero semplici “scie di condensazione” emesse dagli scarichi degli aerei. La scia sarebbe dunque “vapore acqueo”, e persisterebbe a causa “dei cambiamenti climatici” (!?). Siamo, a questo punto, andati a leggere la definizione scientifica di “scia di condensazione” qui. Si tratta di vapori emessi dai gas di scarico degli aerei, che in ben determinate e particolari condizioni dell’alta atmosfera (oltre gli 8000m di altezza, tra i -25 e i -40 gradi, umidità al 70%), generano delle scie. In ogni caso tali scie di condensazione di norma non sono persistenti.

Dunque, la nostra osservazione dovrebbe aver notato esclusivamente aerei a oltre 8000.m (minimo), in condizioni meteo sempre costanti, con i parametri di umidità sempre uguali (ovviamente la percentuale può variare in tutti i parametri, ma tutti insieme devono creare le condizioni di temperatura bassa e umidità alta di cui sopra), per escludere che vi sia qualcosa di strano. Ma è mai possibile? E’ possibile che sempre e comunque, in ogni ora, e ad ogni altitudine, avendo notato contemporaneamente anche un numero rilevante di aerei nella medesima area e negli stessi orari, riuscendo persino a distinguerne bene la forma (quindi aerei BASSI), che si siano generate le difficili condizioni adatte a produrre le scie di condensazione? Scie persistenti tanto da creare una vasta cappa simile ad una nebbia rada nei cieli?  Possibile che i “cambiamenti climatici” (che ci sono, ma sono creati probabilmente prorpio da tali alterazioni chimiche… e sono usati come paravento per coprire queste “irrorazioni”) abbiano generato con una simile frequenza assidua temperature idonee alle scie di condensazione, a prescindere dall’altitudine (per quanto ci siano cambiamenti in atto, come si fa a ottenere temperature di -40 gradi a altitudini basse)? Crediamo che tutto ciò sia molto, ma molto difficile, improbabile… per non dire IMPOSSIBILE!

Sebbene le autorità della repubblica antifascista preposte al controllo del traffico aereo neghino persino l’esistenza di tali fenomeni, pure evidentissimi, in realtà, anche l’articolo che dovrebbe “smentire” l’esistenza delle scie chimiche, conferma invece un elemento capitale: poiché lo stesso “partito” dei negatori ha confermato la presenza di un’alta concentrazione di BARIO nei luoghi delle scie esaminate (vedi qui ). E che cosa ci fa un’alta concentrazione di Bario nei gas di scarico degli aerei?

In un altro caso, la NASA (sic!) ha “ammesso” di irrorare LITIO (qui; qui la definizione ) per fini “di ricerca”, visto che, come il Bario, è un buon conduttore elettromagnetico (con tutto quello che ne consegue per favorire la diffusione delle onde radio). Vi è però un “piccolo” problema, dovuto proprio al Bario ed al Litio, poiché tali elementi risultano dannosissimi per la salute umana e per l’ambiente. Entrambi sono metalli, il Litio, poi, sembra avere effetti peggiori sulla salute poiché viene addirittura usato in psichiatria nei disturbi depressivi, avendo notoriamente un impatto devastante sull’organismo!

Da ciò cosa dovremmo dedurre?… Forse che i governi democratici della repubblica antifascista al riguardo da anni mentono sistematicamente e spudoratamente sapendo di mentire alla cittadinanza, negando qualsiasi fatto? … Forse che il territorio italiano è oggetto almeno dagli Anni 90 da parte del governo americano dell’irrorazione in atmosfera di composti chimici dannosi alla salute, ma vitali per le loro comunicazioni satellitari, a dimostrazione del fatto che non siamo affatto una Nazione sovrana, e che dove sono in gioco gli interessi del governo U.S.A. i governi della cosiddetta “repubblica democratica italiana nata dalla resistenza” (il M.U.O.S. “docet!” qui) hanno sempre calpestato il benessere del popolo italiano pur di assecondare il volere del “padrone atlantico”?

Già in una intervista del 2014 l’ex Generale Mini, personaggio che di certo non può essere considerato un anti-americano avverso alla N.A.T.O., risultava possibilista in ogni senso, riguardo le cosiddette “scie chimiche”. La sua posizione appariva già allora condivisibile, visti i riscontri MILITARI di certi studi  effettuati nel settore in questione di cui egli era a conoscenza: qui.

No! …non siamo noi fascisti ad essere malpensanti! Tantomeno siamo “complottisti”, la teoria del complotto, infatti, nasce negli Stati Uniti, per giustificare agli occhi degli stralunati poveri cittadini americani, cresciuti al motto di “soldi e democrazia”, quelle che loro classificano come inspiegabili disfunzioni del sistema che loro giudicano il migliore del mondo. NOI, invece sappiamo da decenni che la cosiddetta “democrazia liberale” è il paravento dietro il quale si celano gli interessi criminali e senza scrupoli della plutocrazia mondiale usuraia, consci che l’unico rimedio politico al caos infernale in cui è stato fatto piombare il mondo dal lorsignori democratici si chiama FASCISMO!

Per concludere, se doveste cominciare, come noi, ad avere dei seri dubbi sulla natura delle ormai onnipresenti “scie” nei nostri cieli, vi invitiamo a visionare il seguente filmato, che per comodità abbiamo accorciato e diviso in 2 parti, ripreso dal sito Tanker Enemy ( sul sito è presente la versione integrale: http://www.tanker-enemy.eu/scie-chimiche-la-guerra-segreta.htm ). Con questo, riteniamo che ormai sia assolutamente plausibile nutrire più di un ragionevole dubbio sulle versioni ufficiali propinate dai media del sistema demo-plutocratico!

IlCovo

 

Annunci

3 commenti su “COSA STA ACCADENDO NEI CIELI D’ITALIA?…Osservate voi stessi!!

  1. Se lo dicono loro… https://www.youtube.com/watch?v=dvqZKxdHU5c Lo fanno per… il nostro bene! Ah ah ah!

    • La falsificazione della realtà e l’inganno strategico e ideologico sono il fondamento di questa “società” del nulla. In ogni ambito, e in vari gradi, proporzionalmente, ne è permeato il viver “civile”. Quindi, nulla impedisce anche ai cosiddetti “contestatori del sistema”, di agire come quinte colonne. Lo abbiamo ricordato anche qui . Nella nostra esperienza diretta, abbiamo visto che, di queste quinte colonne, ne siamo CIRCONDATI. Morale della favola: non dobbiamo difenderci solo dai mentitori prezzolati, ma anche da quelli da “doppio standard”, tipo le milizie delle “primavere arabe”. Del resto Assange ci ha fatto leggere la scoperta dell’acqua calda: doppi giochi e falsificazioni attraverso le finte-contestazioni, veri cavalli di Troia per garantire che NON SI SVILUPPI un vero sistema alternativo, ma che si tenga ben saldo questo!

  2. A beneficio dei lettori di questo sito, segnalo un mio articolo sul tema: http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=42689

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: