2 commenti

CI UNIAMO, CON PROFONDO DOLORE, AL LUTTO DEI NOSTRI FRATELLI… COLPITI NUOVAMENTE DA UNO STATO CRIMINALE

bandiera_italia_lutto-2

Un terremoto di magnitudo 6, alle ore 3.36 del 24 agosto, ha colpito il centro Italia. Amatrice, Accumoli, Pescara del Tronto, Arquata. Poi una seconda scossa, di intensità simile, ha colpito Norcia e Castelluccio, in Umbria. Nel primo caso la distruzione è totale. Amatrice e gli altri paesi, comprese le frazioni, sono distrutti. Per Norcia, grazie a Dio, il destino è differente. Solo lesioni agli edifici, ma nessuna vittima. Le vittime totali di questa strage sono circa 290. Un’ecatombe. Intere famiglie distrutte. Migliaia di sfollati e senza tetto. Un vero disastro.

In questi momenti si “accusa” il “caso”, la “natura”…la fatalità. Al di là della critica all’organizzazione dei soccorsi, nuovamente intempestivi, soprattutto ad Accumoli, la responsabilità delle morti è da addebitare totalmente al governo, ai “politici”, agli “amministratori”. La tanto decantata “messa in sicurezza” delle zone “rosse” (senza dimenticare che l’Italia è tutta una zona sismica!) è stata smentita dalla disintegrazione e dalle morti. Un campanile, appena “messo in sicurezza”, crolla e distrugge una famiglia. Una scuola, appena “messa in sicurezza”, si sbriciola: letteralmente. Pensate se fossimo stati al 24 settembre, magari alle 9 del mattino!

Le procure, ora, “indagano” ( http://www.fanpage.it/terremoto-amatrice-l-inchiesta-temiamo-sia-stata-utilizzata-piu-sabbia-che-cemento/ ). Indagini che, come è costume, non faranno nessuna giustizia. Come se non si sapesse quale metodo, CONOSCIUTO E CONSENTITO, si sia sempre usato: risparmiare, ingannare, accumulare e guadagnare! Oltre al ritardo incredibile (e voluto) dei cosiddetti “governanti”, oltre alle loro responsabilità sulla inefficienza, sul latrocinio, sulla indifferenza, si aggiunge l’inganno nelle “messe in sicurezza”!  Nulla di nuovo, purtroppo. Ma, ancora, dopo i suicidi dei poveri disperati, dopo i veleni, dopo i disastri nel “pubblico”, dopo le vessazioni, ancora morti! Quanto ancora dovrà soffrire questo nostro disgraziato popolo, che ha dimenticato chi è, per iniziare a ricordare? Quanti morti, quanti innocenti, quante famiglie, ancora dovranno essere sterminate?

Mentre scriviamo c’è la Santa Messa dei funerali delle vittime. Il Sacerdote nomina i morti, per i quali viene offerta la Santa Messa. Questi morti ci stanno innanzi, come monito. Questi innocenti ci chiedono di ricordare. E di ricordarli, nel nostro agire quotidiano. ALZIAMOCI, E RICORDIAMO!

IlCovo

Annunci

2 commenti su “CI UNIAMO, CON PROFONDO DOLORE, AL LUTTO DEI NOSTRI FRATELLI… COLPITI NUOVAMENTE DA UNO STATO CRIMINALE

  1. Grazie per la corrispondenza, io tra l’altro ero nella Valle del Salto in villeggiatura al momento dell’evento.. Forza & coraggio!

    Ottieni Outlook per Android

  2. Alcuni miei conoscenti, tra i quali un amico, Luca Grandoni, hanno perso la vita.

    Forza e coraggio cittadini di Amatrice, Accumoli e tutte le frazioni colpite dal sisma!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: